La mia vita da timida.

sbocciamo insieme

Io sono una persona molto riservata, non c’ è dubbio, e in questo post ti voglio raccontare la mia vita da timida.

Essere timida ed aprire un blog dove  racconto un po’ della mia vita può sembrare un controsenso.

Nella vita reale infatti chi è timido non riesce a parlare, soprattutto della sua vita intima, del suo privato.

La mia esperienza

Avere aperto questo blog per me è come una terapia: qui posso esprimermi senza la paura di essere giudicata e spero che quello che scrivo possa essere di aiuto per chi mi legge e magari ha i miei stessi problemi.

 

Scrivere è una cosa che ho sempre fatto perché nel farlo è come se entrassi in un’ altra dimensione: un mondo racchiuso dentro un foglio e su questo foglio posso scrivere quello che mi viene dal cuore, senza fingere e senza colpevolizzarmi.

Mi ricordo che anche quando ero molto giovane scrivevo, scrivevo, scrivevo e questo riusciva a riempire un po’ le mie giornate.

Oltre la timidezza

Dire che sono timida, però, è riduttivo: io sono anche una persona piena di interessi, che cerca sempre di capire, di studiare, di migliorarsi, una persona ironica e soprattutto autoironica.

Quando sono serena e mi metto ad analizzare me stessa capisco che ho tanti lati positivi che a volte si nascondono dietro un’ apparenza distaccata e taciturna, ma io so che quella è solo una maschera che indosso per affrontare il mondo e la vita.

Non c’ è dubbio però  che la timidezza ha caratterizzato tutta la mia vita e mi ha portato tanta sofferenza.

Che cosa è la timidezza?

Ma che cosa è la timidezza? Timidi si nasce o si diventa a causa di esperienze negative che abbiamo vissuto?

Mi sono interrogata tanto su questo e una risposta che vada bene per tutti non l’ ho trovata, ma ho trovato, forse, la spiegazione valida per me.

Credo che molto dipenda dal carattere con cui si nasce. Di questo ho avuto la conferma osservando i miei 3 figli.

Sono ragazzi cresciuti nella stessa famiglia, hanno avuto lo stesso tipo di educazione ed hanno avuto una vita uguale, con pari difficoltà e pari opportunità.

Nonostante questo il loro modo di affrontare la vita è diverso.

C’ è chi è più combattivo e chi invece si lascia condizionare da ciò che gli capita.

Quindi io sono sicura di essere nata timida e poi le mie esperienze mi hanno portato ad esasperare questo lato del mio carattere e non a superarlo.

Qui dovrei parlare dei  rapporti con i miei genitori, i miei zii e i miei nonni per farvi capire esattamente cosa intendo; magari lo farò in un altro post.

Le difficoltà che ho dovuto affrontare

La timidezza ha portato certamente tanti problemi nella mia vita, soprattutto a livello di amicizie e di lavoro, ma qui entra in gioco anche la mia scarsa autostima.

Nonostante io ora non sia  più una ragazzina continuo ad essere timida, soprattutto quando mi trovo con tante persone.

Certo ho imparato a controllare un po’ questo aspetto del mio carattere ma sono sicura che non riuscirò mai a cambiarlo.

Ho imparato a convivere con questa mia timidezza e a non considerarmi più inferiore agli altri per il fatto di essere così.

Sicuramente è  stato un processo lungo e spesso doloroso, perché soprattutto da giovani vivere isolati fa male.

Però si può imparare anche a stare bene da soli, come ho scritto in questo post.

In conclusione

L’ ultima cosa che voglio dirti è: se anche tu sei come me non farne un dramma, impara ad accettarti con i tuoi pregi e i tuoi difetti.

Certo, sei timida, ma sicuramente hai tantissime cose belle da donare agli altri e tanti talenti da coltivare.

A presto,

Paola

 

 

 

Utilizzando il sito, scorrendo la pagina e continuando la navigazione accetti l' utilizzo dei cookie da parte nostra. Cliccando su " maggiori informazioni " potrai leggere la nostra cookie police dettagliata. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi