Come la timidezza influenza la vita lavorativa

sbocciamo insieme

Su come la timidezza ha influito sulla mia vita lavorativa potrei scrivere per ore.

Questa è una riflessione che faccio sempre più spesso in questo periodo perchè sto pagando ora le conseguenze di cose accadute o scelte fatte in passato.

Ti ho già raccontato che la mia è una timidezza all’ ennesima potenza.

Una persona timida può riuscire comunque, anche se con difficoltà, a costruirsi la propria vita.

Io invece mi trovo intrappolata dentro una gabbia e le sbarre sono tutte le mie paure.

Riuscire a rompere queste sbarre è molto difficile. Io ci sono riuscita in parte, ma la paura del confronto con gli altri è sempre lì.

 

Le persone timide sono considerate e si sentono inferiori agli altri.

In questa società dove le apparenze sono tutto chi non riesce a costruirsi un personaggio vincente e sicuro di sè è destinato a rimanere indietro.

Sono sicura che la timidezza ha influito sulla vita di tante persone, validissime dal punto di vista della preparazione e della capacità personale, che  sono state scavalcate da persone più estroverse che sanno ” vendersi meglio “.

Io, come tutti, vivo in mezzo agli altri e quasi tutte le persone che conoscono lavorano, quindi essere disoccupata per me è una cosa veramente difficile perchè mi fa sentire diversa dagli altri ancora più di quanto io non mi senta normalmente.

Le persone timide sono anche molto insicure: quando cercano un lavoro hanno sempre paura di non essere all’ altezza e quando trovano il coraggio di affrontare un colloquio di lavoro questa loro insicurezza viene fuori e le penalizza.

 

LE MIE ESPERIENZE

I pochi colloqui di lavoro che ho fatto sono sempre andati male e i diversi lavori che ho avuto nella mia vita me li sono dovuti costruire da sola.

Per esempio ho avuto per cinque anni un negozio: nessuno mi ha assunta, mi sono creata la mia attività da sola.

Poi ho lavorato nell’ ufficio di mio padre e qui evidentemente non ho dovuto fare colloqui.

C’ è stato poi un lungo periodo nel quale non ho lavorato perchè sono nati i miei tre figli.

Quando sono cresciuti e ho potuto ricominciare a cercare lavoro ho dovuto affrontare tantissime difficoltà a causa della crisi ma anche perchè, nonostante fossi ormai adulta, avevo sempre paura di propormi per i vari annunci di lavoro.

Comunque, facendomi forza, ci ho provato ma sempre con esito negativo e questo mi ha portata ad essere sempre più sfiduciata e a sentirmi una nullità.

Pochi anni fa, non trovando lavoro, ho anche provato ad aprire un altro negozio che però è andato male.

Analizzando la situazione ho capito che il fallimento è stato dovuto in gran parte, ancora una volta, alla mia timidezza.

Quando si apre un’ attività si devono affrontare tante situazioni che ti fanno entrare in contatto con gli altri e se tu non sai proporti al meglio, se non sai gestire il negozio in maniera sicura e spigliata, se hai difficoltà a farti conoscere, tutto crolla.

Quindi ora mi trovo in una situazione difficile che influenza tutta la mia vita e il mio umore.

 

TROVARE DELLE SOLUZIONI

Mi rendo conto che fino a qui questo post è anche troppo negativo, ma siccome le parole importanti nel mio blog sono gentilezza, sorrisi e positività, ora voglio smettere di piangermi addosso.

Con la mia esperienza penso di poter essere di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione e quindi vorrei condividere con te alcune cose da fare quando siamo alla ricerca di un lavoro.

Avere un atteggiamento positivo aiuta sempre!

1) Tu non sei il tuo lavoro.

Non commettere l’ errore che ho fatto io di sentirti inferiore agli altri solo perchè non lavori: ci sono tantissime cose delle quali puoi andare fiera.

 

2) Non permettere che gli altri ti facciano sentire una nullità.

Hai solo un po’ più di difficoltà ad affrontare la vita ma questo non vuol dire che gli altri abbiano il diritto di criticarti.

 

3) Chiarisciti le idee.

Se sei una persona che fa veramente fatica a stare con gli altri non ti candidare per lavori a contatto con il pubblico. Trova delle alternative meno stressanti per te e punta la tua ricerca in quella direzione.

 

4) Studia.

Se pensi di non avere una preparazione adeguata, non importa quanti anni hai: rimettiti a studiare! Ormai si trova di tutto anche sul web e formarsi non è un problema. Puoi anche informarti presso il tuo Comune, a volte organizzano dei corsi per disoccupati o per persone che vogliono rientrare nel mondo del lavoro.

 

5) Cura il tuo aspetto.

Quando ci guardiamo allo specchio e vediamo un’ immagine di noi che ci piace, automaticamente ci sentiamo più sicuri e più sereni. Se invece quello che vediamo non ci piace cadiamo in una spirale di insoddisfazione che ci porta sempre più giù ed uscirne diventa difficile. Oltretutto se ci vediamo così non avremo neanche il coraggio di presentarci ad un colloquio di lavoro, oppure lo affronteremo già predisposti al fallimento.

Se i primi a cui non piacciamo siamo noi, come potremo piacere agli altri?

Allora inizia ad avere cura di te: la mattina, anche se devi restare a casa, vestiti con abiti che ti fanno sentire ordinata e a posto. Truccati, perchè un trucco leggero ti farà sembrare più riposata e più bella. Vai più spesso dal parrucchiere: i capelli sono fondamentali per avere un aspetto curato.

 

6) Tieniti aggiornata su quello che succede nel mondo.

Se non lavori probabilmente passerai la maggior parte del tempo in casa. Approfitta di questi momenti per fare delle cose che ampliano le tue conoscenze e ti fanno sentire parte del mondo.

Se hai l’ abitudine di passare molto tempo su Facebook o a guardare brutti programmi alla televisione cerca delle alternative.

Un po’ di tempo fa mi si è rotto il telefonino e quella che all’ inizio sembrava una tragedia si è rivelata una benedizione. Vai a leggere il post.

Anche guardando la televisione abbiamo due alternative: possiamo scegliere programmi brutti, inutili e che non ci insegnano nulla oppure possiamo cercare quelle trasmissioni dalle quali possiamo imparare. Conoscere, studiare ed essere informati su quello che succede nel mondo ti servirà per sentirti più sicura: anche se ti troverai a parlare con qualcuno avrai degli argomenti di cui discutere e questo, per noi timidi che non sappiamo mai cosa dire, è un grande aiuto.

 

7) Cerca l’ aiuto di chi ti sta intorno.

Forse chi ti sta vicino anche se ti vuole bene non capisce fino in fondo le tue difficoltà. Prova a parlare a cuore aperto spiegando come ti senti e chiedendo il loro aiuto. Confrontarsi con gli altri e vedersi con altri occhi aiuta a capire tante cose. Sono sicura che gli altri vedono in te pregi e possibilità di cui non ti sei mai accorta.

 

8) Esalta i tuoi punti di forza.

Nessuno è un fallimento in tutte le aree della propria vita, neanche noi! Lo ripeto spesso: siamo timidi ed abbiamo più difficoltà degli altri ma non siamo inferiori a nessuno!

Prenditi un po’ di tempo e pensa ai tuoi punti di forza. Non devono essere cose eccezionali, elenca tutte le cose che pensi di saper fare bene. Per esempio io sono brava a scrivere e amo molto farlo, ma fino a poco tempo fa non me ne ero resa conto. Quando avrai finito di scrivere il tuo elenco sarai meravigliata di quante cose sei capace di fare: non ci avevi mai pensato, vero?

 

9) Scrivi o aggiorna il tuo curriculum.

Il curriculum vitae che si usava un po’ di tempo fa non va più bene. Tutto cambia molto velocemente e anche in questo bisogna aggiornarsi. Se vuoi trovare dei modelli da seguire per scrivere un curriculum  adatto ai giorni nostri facendo una ricerca sul web ne troverai molti. Io sto aggiornando il mio e per farlo sto utilizzando CANVA, un servizio gratuito dove sono raggruppati molti modelli già pronti: dovrai solamente scegliere quello che ti piace di più ed adattarlo a te.

 

10) Torna ad amare quello che ti circonda e quello che fai.

Ama la tua famiglia e la tua casa. Fai piccole cose che ti rendono serena. Dai delle piccole attenzioni anche a te stessa. Cerca un nuovo hobby o riprendi a fare qualcosa che ti piaceva ed hai abbandonato da tempo.

Semplifica la tua vita: oggi si parla molto di minimalismo, di decluttering ed io mi sto avvicinando a questa filosofia di vita. Avere meno, accumulare meno, non vuol dire rinunciare a tutto ma scegliere ed usare solo le cose che sono realmente utili e che ti danno gioia.

Avere pulizia ed ordine intorno mi dona un senso di pace e di tranquillità e rende la mia vita più facile e più bella.

 

11) Non focalizzarti solo sulla ricerca del lavoro.

Quando manca il lavoro tutto diventa più difficile, sia emotivamente che finanziariamente. Però dobbiamo ricordarci che il lavoro è solo una parte della nostra vita, non TUTTA la nostra vita.

 

Queste, secondo me, sono alcune idee da mettere in pratica mentre siamo alla ricerca di un lavoro, probabilmente tu ne avrai altre da aggiungere utili per te.

 

Ricordati sempre di quanto vali!

A presto,

Paola

Utilizzando il sito, scorrendo la pagina e continuando la navigazione accetti l' utilizzo dei cookie da parte nostra. Cliccando su " maggiori informazioni " potrai leggere la nostra cookie police dettagliata. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi